Attualità
stampa

Il giornale del 21 maggio

Aumentano gli ungulati, ritorna il lupo.

Parole chiave: diocesi vittorio veneto (1), edizione digitale (1), lazione (1), abbonati (1)
Il giornale del 21 maggio

Da qualche tempo non passa settimana che in redazione non arrivi la notizia di un incontro, di una mostra, di una ricerca, in merito al ritorno di lupi e orsi e alla proliferazione delle loro prede, specie dei cinghiali. Il tema interessa, e molto, l’opinione pubblica. Come sa bene Elena Torresan, tecnica faunista originaria di Crespano del Grappa: ogni volta che viene chiamata nell’alto Trevigiano o nel Bellunese a parlare di fauna selvatica, la sala si riempie. Torresan ha studiato i lupi sull’Appennino toscano, le renne in Norvegia e gli ungulati in Cansiglio. Le chiediamo innanzittutto quello che tutti si chiedono: perché è D tornato il lupo nel nostro territorio? «Per tre motivi: le prede - ovvero gli ungulati - sono aumentate; l’ambiente è “ospitale” da un punto di vista della biodiversità di fauna e flora; siamo circondati da territori - Trentino, Appennino e Slovenia - in cui il numero di grandi carnivori è in crescita e quindi abbiamo una sorta di “immigrazione”». Dobbiamo temere i lupi? «Assolutamente no. Non si sognerebbero mai di assalire l’uomo: per il lupo è l’uomo il predatore. I problemi si possono porre solo dove questi animali vivono in cattività. Certo, nel caso si incrocino nel corso di una camminata vi sono delle attenzioni da avere: non fissarli, stare fermi, non correre, attendere che si allontanino».

CONTINUA A LEGGERE NELL'EDIZIONE DIGITALE

Il giornale del 21 maggio
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento