L'Azione Blog
stampa

Il pensiero brutale e la smania sconsiderata del potere costituiscono le espressioni più acute dell’incredulità e del peccato

Il 21 marzo, a dieci giorni dalla sua morte, avvenuta il giorno 11, il card. Karl Lehmannn è stato inumato nella sua cattedrale di Mainz (Magonza). Ecco le ultime righe del suo testamento spirituale: "Per due cose ho di continuo e sempre più sofferto: la nostra terra e, in senso ampio, la nostra vita sono per molti aspetti meravigliose, belle e affascinanti, ma sono anche profondamente ambivalenti, distruttive e spaventose. Da ultimo, la brama del potere e il modo inquietante con cui l’uomo se ne occupa sono cresciuti sempre più. Il pensiero brutale e la smania sconsiderata del potere costituiscono per me le espressioni più acute dell’incredulità e del peccato. Resistete agli inizi! Ho sempre nelle orecchie la parole di Gesù, riportate da Luca: “Quando il Figlio dell’uomo tornerà, troverà (ancora) fede sulla terra?”".

Il pensiero brutale e la smania sconsiderata del potere costituiscono le espressioni più acute dell’incredulità e del peccato
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento